Skip to content

Eyetracking Web Usability: netta conferma dell’importanza del posizionamento SEO

Il concetto di Eyetracking Web Usability assume una grandissima importanza nell’ambito del Web Marketing, ed è strettamente connesso con l’ottimizzazione SEO di un sito web.

Di cosa si tratta esattamente?

Che cos’è l’Eyetracking Web Usability?

Il termine Eyetracking Web Usability fa sostanzialmente riferimento ai livelli di attenzione con cui il navigatore tende ad osservare lo schermo, che si tratti dello schermo del pc, di un cellulare o di un altro dispositivo, ed evidenzia dunque quali sono i punti di una pagina web su cui l’utente tende a soffermarsi con il proprio sguardo.

Si tratta di un approccio altamente specialistico che va ben oltre le semplici conoscenze di Web Marketing: rientrano infatti, in questo ambito, anche aspetti di natura puramente psicologica, cromatica, nonchè ovviamente una ricca gamma di rilevazioni empiriche.
L’Eyetracking Web Usability, dunque, può assolutamente essere definita come una scienza, e curare in modo rigoroso anche questo aspetto può migliorare in modo notevole, se non addirittura sorprendente, l’efficacia di una strategia di Web Marketing.

L’Eyetracking nella struttura dei siti web e nel posizionamento SEO

Dal punto di vista pratico, l’Eyetracking Web Usability ha anzitutto delle importanti implicazioni per quanto riguarda la strutturazione dei siti web: valutando contestualmente sia la tipologia di sito che i risultati emersi da questi particolari studi è possibile ottimizzarne la funzionalità e la persuasività, con tutti i preziosi risvolti che ne derivano a livello di business.

Allo stesso tempo inoltre, come detto, l’Eyetracking Web Usability è una scienza strettamente connessa con l’ottimizzazione SEO di un sito web, e si può affermare senza mezzi termini che questi particolari studi sul comportamento dei navigatori hanno confermato in modo netto la grandissima importanza di avere un sito collocato tra le prime posizioni del motore di ricerca.

Gli studi effettuati ed i relativi risultati

visibilità su Google con la seoSono stati eseguiti, nonché pubblicati, moltissimi studi circa i punti della pagina di ricerca di Google che maggiormente attraggono l’attenzione del navigatore, peraltro adoperando degli strumenti altamente tecnologici, ed i risultati sono stati in tutti i casi inequivocabili.
Secondo quanto emerso, infatti, l’utente concentra il proprio sguardo sui primissimi risultati del motore, indicativamente sulle prime tre o quattro posizioni; il suo livello di attenzione, al contrario, cala gradualmente man mano che si scende all’interno della SERP.

Discreto è il livello di attenzione che il navigatore riserva agli spazi laterali, dunque quelli riservati agli annunci Google Adwords, nonchè agli annunci che precedono i risultati “organici”, tuttavia non ci sono dubbi: gli occhi dell’utente che esegue una ricerca puntano da subito i primi risultati proposti dal motore, e assai difficilmente si soffermano anche sui risultati successivi.

Nette conferme sull’importanza dell’ottimizzazione SEO

L’Eyetracking Web Usability, dunque, conferma in modo nitido la grande importanza del posizionamento SEO: il vantaggio competitivo che deriva dal possedere un sito collocato tra i primissimi posti della SERP di Google è davvero notevole, dunque la differenza tra i siti che godono di un buon posizionamento nei motori e quelli immediatamente successivi è, in termini di accessi, molto accentuata.

Affidarsi ad un’agenzia SEO professionale, dunque, è la scelta migliore se ci si vuole garantire una visibilità di livello all’interno della rete, nonché se si vuol sviluppare un business di successo.

Published inweb marketing

Be First to Comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *